Maratea. Il rilancio dell’arte parte dalla Basilicata con “Marateale”

Dopo essere stata consacrata l'anno scorso come la "Capitale Europea della Cultura", la perla del Tirreno tenta di rilanciare il mondo degli artisti messo a dura prova dall'emergenza sanitaria Covid-19 con l'evento "Marateale".

Il Festival delle Giornate internazionali del cinema lucano cambia nome e programma

MARATEA. Dopo essere stata consacrata nel 2019 la “Capitale Europea della Cultura”, la perla del Tirreno tenta di rilanciare il mondo degli artisti messo a dura prova dall’emergenza sanitaria Covid-19 con l’evento “Marateale”. La kermesse che quest’anno si svolgerà dal 31 luglio al 1 agosto non è una novità, ma l’evoluzione dell’eveto conosciuto in passato come “Le Giornate del Cinema Lucano a Maratea – Premio Internazionale Basilicata“.

La manifestazione che si svolgerà in solo due giornate a causa dell’emergenza Coronavirus, vedrà venerdì 31 luglio esibirsi i giovani talenti lucani distintisi per valore artistico. Nella giornata conclusiva del 1 agosto, diversamente dalle precedenti edizioni, tantissimi professionisti daranno vita ad un nuovo format per il rilancio dell’arte e alla cultura.

Tanti poi i personaggi di cinema, teatro e televisione, cantanti, musicisti, danzatori che partciperanno insieme a diverse maestranze. Il programma sarà arricchito con diverse masterclass che saranno tenute, tra gli altri, dal regista Massimiliano Bruno e dalla sceneggiatrice Ludovica Rampoldi. Non da meno saranno gli incontri con Kledi Kadiu, Anbeta Toromani e Alessandro Macario artisti tra i più apprezzati nella danza internazionale. Il tutto emergenza sanitaria permettendo.

Default image
folk

Redattore Capo cefolklore.it

Articles: 351